Grimoldi: Adesso basta, si sta passando il segno

Liberi gli studenti dell’Università Statale di Milano di contestare chiunque, compreso Matteo Salvini, ma non possono utilizzare l’edificio Via Festa del Perdono e le finestre dell’università per minacciare di morte un ministro della Repubblica, un parlamentare eletto dal popolo e rappresentante dei cittadini, con uno striscione che recita ‘Salvini muori, Salvini crepa, Salvini infame, sparate a Salvini, Salvini a testa in giù". Le contestazioni non si fanno utilizzando i muri di un’istituzione pubblica. Per cui adesso o la Statale identifica e punisce adeguatamente questa studenti anche con l’espulsione, oppure di questa vergogna ne dovranno rispondere i vertici dell’ateneo. Perché è loro la responsabilità di quello che accade dentro gli edifici di loro pertinenza. Un’ultima domanda: i cattivi maestri che coltivano il seme dell’odio nelle menti degli studenti si trovano anche dentro la Statale?

Luglio 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
16
17
22
23
24
29
30
31