Mozione sui campi nomadi al Pirellone Andrea Monti (Lega): “Censimento necessario per tutelare i minori e per contrastare l’illegalità”

Milano 3 luglio. Approvata mozione dall’Aula del Pirellone su censimento campi nomadi lombardi e chiusura degli insediamenti irregolari. Nel merito è intervenuto il vice capogruppo della Lega in Consiglio regionale Andrea Monti.
“È bene specificare, per chi ama strumentalizzare – spiega Andrea Monti – che nell'accezione comune un censimento indica l’acquisizione di informazioni sul numero di abitanti e su diverse caratteristiche della popolazione censita.
Posta questa premessa è ormai noto come in Italia e in Lombardia esistano alcuni campi Rom e Sinti regolari ed altri irregolari, che spesso si trasformano in luoghi di delinquenza, dove ovviamente i minori non possono crescere nel modo più appropriato.
È importante infatti avere consapevolezza della questione, specialmente per comprendere lo stato in cui versano i bambini che, come evidenziato anche da relazioni di volontari, hanno maggiori probabilità, rispetto ai loro coetanei, di crescere sottopeso, contrarre malattie respiratorie o della povertà e incorrere in incidenti domestici.
Nessuno vuole procedere con schedature o richieste di impronte digitali, ma occorre comunque attuare una ricognizione della situazione dei campi rom, come ben chiede il testo della mozione, specialmente quelli regolari, per capirne il numero e gli abitanti, in particolare per poter tutelare i bambini ai quali non è sempre permesso frequentare la scuola, ma che spesso sono indotti a ben altre pratiche.
Da un lato bisogna quindi difendere i minori e dall’altro pensare alla tutela della pubblica sicurezza, nonché del decoro urbano, evitando che situazioni di illegalità diffusa continuino a proliferare; questo perché, ed è bene ribadirlo, in troppe occasioni i veri discriminati non sono i Rom ma i cittadini che sono costretti, loro malgrado, a subire vivendoci vicino.
Per tutti questi motivi la Lega ha votato favorevolmente a questa mozione, inserendo una modifica a tutela dei piccoli comuni, per fare in modo che l’impatto sociale ed economico circa la chiusura dei campi nomadi irregolari sia suddiviso tra le diverse Istituzioni e che il processo coinvolga anche altri organi istituzionali – conclude Andrea Monti – quali ATS, Prefetture, il Provveditorato agli Studi nonché tutti gli Enti interessati.”

Settembre 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
4
5
6
7
10
11
12
17
18
19
24
25
26
27
28
29
30